TRIBUTE C. BUKOWSKI & J. FANTE


H. Charles Bukowski

BUKOWSKI C. - FOTO 01

 

Il 9 marzo 1994, all’età di 73 anni, Charles Bukowski concludeva la sua esistenza in un ospedale di San Pedro (California), dov’era ricoverato per leucemia. II 16 agosto del 1920 nasceva ad Andernach, presso Colonia.
Due anni dopo Henry Bukowski Sr., di origine tedesca ma ex artigliere delle truppe americane, con la moglie Katherine Fett, si trasferiva a Los Angeles. I Bukowski istituirono un granitico bunker familiare, blindato contro ogni input proveniente dalla nuova comunità: gli sbiaditi ricordi d’infanzia di Charles sono i continui ammonimenti familiari a non avere contatti con i coetanei. A sei anni, e un bambino che ha gia’ formato una propria linea di carattere: schivo e impaurito. Escluso dalle partite a baseball sotto casa, irriso per il suo tenue accento teutonico, manifesta difficoltà d’inserimento. Alla Junior High School non passa inosservato: i professori ricordano di lui lo sguardo sardonico e il ghigno diabolicamente critico. Alla Junior ricevette il primo plauso per il suo fuoco letterario. Si trattava di una semplice relazione sulla visita del presidente Hoover: Charles fece il miglior compito, molto al di sopra della media, ma la sorpresa del docente fu un’altra: «Rimase veramente sbalordito quando ammisi candidamente che non mi ci ero recato».
A tredici anni comincia a bere con una chiassosa banda di teppistelli. Un anno dopo scrive il suo primo racconto basandolo su un personaggio: per metà reale e per metà immaginario: il generale Von Richtofen, asso aereo della prima guerra mondiale. Non fu una carezzevole linfa creativa, ma la rabbia verso la vita; la molla che lo spinse al furore compositivo. L’adolescente Bukowski dovette fare i conti con una spaventosa forma di acne arginabile solo con l’uso di speciali aghi elettrici: “II mio viso, il torace e la schiena erano copiosamente coperti di pustole grosse come chicchi d’uva. Ero il brutto del vicinato. Tutto questo mentre gli altri miei coetanei cominciavano a toccare le ragazzine…”. Nel 1938 si diploma stancamente alla L.A. High School. Assunto come magazziniere alla Sears & Roeblick, si licenziò dopo una settimana: “Come si spiegavano quelle vite da operaio senza alcun senso? Esseri che nell’application form non avevano avuto difficolta’ a dichiararsi FELICI di lavorare un’intera vita alle dipendenze della Sears. I Capi? Senz’anima e di mediocre intelletto, implacabili con i subalterni. Leggendo Céline si consolidò il mio incondizionato rifiuto per ogni forma di lavoro regolamentato”. Henry Sr. non la pensava così. Un pomeriggio di un giorno qualunque di quello stesso anno, Hank, tornando verso casa molto ubriaco, vide i fogli delle sue poesie svolazzare per il prato, vide suo padre urlare mentre gli scagliava contro la macchina da scrivere, vide sua madre tendergli frettolosamente qualche dollaro. Per soli $ 1.50 Hank esordi nell’Underworld: prese in affitto una camera sporca in una pensione-bordello di tagliagole filippini. Tirava avanti facendo piccole comissioni agli avventori del Glenview, il suo abituale bar, che lo ripagavano in bevute. Si picchiava nei vicoli, si svegliava sulle panchine del parco. L’attacco a Pearl Harbor coincise con l’inizio di un biennale vagabondaggio tra New Orleans, San Francisco, St. Louis. A Philadelphia venne prelevato dall’Fbi e condotto nel carcere di Moyemensing.

BUKOWSKI - PRINT O1

Accusato di draft-dodgin, renitenza alla leva, per non aver tempestivamente comunicato i suoi spostamenti, fu scarcerato quando le autorità militari accertarono che ciò era avvenuto non intenzionalmente. “Non fu certo un trauma, ero solo sorpreso di come la vita fosse facile li dentro quanto incomprensibile fuori.” A Philadelphia fece l’amore per la prima volta, a 23 anni: “Con una donna che pesava piu di cento chili”. Henry Sr., intanto, descriveva meticolosamente al vicinato le eroiche azioni del figlio al fronte con i Japs. Nel 1944 pubblica il racconto Aftermath of a lenghb Rejection Slip sulla leggendaria Story e incomincia un burrascoso rapporto decennale con Jane Baker. Viene assunto dal Postal Service. Una sera, ubriacatosi pesantemente con la sua compagna alcolizzata, è vittima di una abbondante emorragia dalla bocca e dal retto, Ricoverato in condizioni disperate, viene salvato grazie alle trasfusioni di sangue donatogli dal padre. Nel tentativo di allontanarsi dall’alcool comincia a recarsi all’ippodromo dove, al contrario, si ubriaca regolarmente.Nel 1959 gli vengono pubblicate otto poesie sulla rivista Harlequin: la direttrice Barbara Frye accetta la proposta di matrimonio di Hank per corrispondenza. Si separarono due anni dopo. L’editore John Webb, nel 1962, gli pubblica la prima raccolta di poesie, It Catches myHeart from my Hands (parzialmente tradotta in: C.B., Poesie, a cura di Vincenzo Mantovani, Oscar Mondadori, 1986, prima ed.). Le intenzioni suicide si fanno piu frequenti quando Henry Sr. muore per infarto e Jane viene stroncata dall’alcool. Riesce tuttavia ad aumentare le sue collaborazioni con riviste letterarie underground come Epos, Outsiderl Breakthru. Nel settembre dei 1964 diviene padre di Marina, nata dall’unione con Frances Smith, una giovane poeta. Comincia l’importante collaborazione con il settimanale off Open City: le sue velenose colonne verranno raccolte nel volume Nofes ofa Dirty Old Man (Taccuino di un vecchio sporcaccione, Guanda, 1979, in prima edizione, poi edito da Feltrinelli) che gli regalerà ampi consensi fra gli ambienti bella protesta giovanile. La speranza di poter divenire uno scrittore full time gli diede il coraggio di licenziarsi dall’insopportabile ufficio postale all’età di 49 anni. Contemporaneamente si separa dall’irrequieta Linda King (la co-protagonista di Women: trad. it. Donne, SugarCo,1980).
Comincia il periodo dei readings poetici, vissuti come vero e proprio tormento: “I momenti prima di cominciare erano un incubo: dovevo sempre ubriacarmi pesante e vomitare”. Alla fine di una lettura particolarmente sofferta, nel 1976, conobbe Linda Lee, l’unica tra le sue bizzose compagne che fu capace di mettere freno all’imprevedibilità autodistruttiva di Hank. “Linda era stata mandata dagli dei per salvarmi la vita. ” Gli cambiò regime alimentare, gli ridusse l’alcool, lo incoraggiò a non alzarsi mai prima di mezzogiorno (“il mio segreto per essere un grande scrittore”), lo invitò a recarsi assiduamente ad Hollywood Park per assistere alle corse. Gli stenti del vagabondo erano terminati: ai più era conosciuto come il bizzarro scrittore di Tales of Ordinary Madness. Furono proprio queste pagine che ispirarono a Marco Ferreri il film omonimo, nel 1981: “Mi recai al cinema con Linda: che impressione quando vidi il titolo. Poi una sensazione di essere in trappola: tutta quell’insopportabile gente che domandava autografi. Per fortuna uno capi e mi porse una bottiglia di whiskey. In verità ero già parecchio ubriaco. II film? Linda mi ha detto che alla fine della proiezione urlai “Buttatelo al cesso”. In più non mi pagarono neanche un dollaro… “.
Riluttante verso altri tentativi, accettò nel 1987, dopo decine di rifiuti, la proposta cinematografica del regista Barbet Schroeder: Barfly ovvero la rappresentazione del giovane Hank-barbone. Il film ebbe come interpreti Mickey Rourke e Faye Dunaway, insieme ad un gruppo di vere ‘mosche da bar’, e per supervisore Francis Ford Coppola. Gli ultimi anni sono vissuti in grande serenità ed agiatezza “Ora mi piace stare a bere vino buono e a carezzare i miei gatti. Ho comperato una Bmw. Nera. Per veri duri. Posso stare a letto quanto voglio, starmene tranquillo: è quello che ho sempre desiderato”. Ma la prolifica vena compositiva non venne meno: con le condizioni fisiche che via via si aggravavano (si ammalò di tubercolosi nel maggio 1988) usci’ con quattro pubblicazioni nel giro di tre anni. Poi la morte: “Ti ho dato tante di quelle occasioni che avresti dovuto portarmi via parecchio tempo fa. Vorrei essere sepolto vicino all’ippodromo… per sentire la volata sulla dirittura d’arrivo”.
*All’anagrafe risulta come Henry Charles Bukowski, Jr. “Henry mi ha stancato perchè i miei genitori mi chiamavano solo per fare qualche commissione o perchè dovevano picchiarmi. Charles è O.K. solo sulla pagina scritta. È un gran pasticcio. Così dico alla gente di chiamarmi Hank. Il, bravo, vecchio Hank.”

 

Art by Fabrizio “PLUC” Di Nicola

PAROLE IN LIBERTA’

Ecco il problema di chi beve, pensai versandomi da bere.

Se succede qualcosa di brutto si beve per dimenticare;

se succede qualcosa di bello si beve per festeggiare;

e se non succede niente si beve per far succedere qualcosa…

“La cosa terribile non è la morte, ma la vita che la gente non vive”

H. C. Bukowski

bukowski con strega

Art by Vincenzo De Cesaris

 

 VIDEO TRIBUTE BUKOWSKI

Hai baciato Lilly – si riferisce al 4° di 36 rac­con­ti del li­bro Mu­si­ca per or­ga­ni cal­di di Char­les Bu­ko­w­ski, in­ter­pre­ta­to at­tra­ver­so il vi­deo e la mu­si­ca. http://www.myspace.com/video/tracanna76/hai-baciato-lilly-cap-1/59969384

Corsa alla casa base – si riferisce al 35° di 36 rac­con­ti del li­bro Mu­si­ca per or­ga­ni cal­di di Char­les Bu­ko­w­ski, in­ter­pre­ta­to at­tra­ver­so il vi­deo e la mu­si­ca. http://www.myspace.com/video/tracanna76/casa-base-cap-2/59970601

Imbrogliare Marie – si riferisce al 36° di 36 rac­con­ti del li­bro Mu­si­ca per or­ga­ni cal­di di C. Bu­ko­w­ski, in­ter­pre­ta­to at­tra­ver­so il vi­deo e la mu­si­ca. http://www.myspace.com/video/tracanna76/imbrogliare-marie-cap-3/59972371

L’uomo che amava gli ascensori – si riferisce al 16° di 36 rac­con­ti del li­bro Mu­si­ca per or­ga­ni cal­di di C. Bu­ko­w­ski, in­ter­pre­ta­to at­tra­ver­so il vi­deo e la mu­si­ca. http://www.myspace.com/video/tracanna76/l-39-uomo-che-amava-gli-ascensori-cap-4/6022181971

Una donna ardente – si riferisce al 5° di 36 rac­con­ti del li­bro Mu­si­ca per or­ga­ni cal­di di Char­les Bu­ko­w­ski, in­ter­pre­ta­to at­tra­ver­so il vi­deo e la mu­si­ca. http://www.myspace.com/video/tracanna76/una-donna-ardente-cap-5/60240572


Altri video di Tracanna Angelo su myspace:
http://www.myspace.com/tracanna76

JOHN FANTE

JOHN FANTE E ROCCO BULL TERRIER

John Fante nasce l’8 aprile del 1909 a Denver, in Colorado, figlio di Nicola Fante, di origini abruzzesi, e di Mary, di origini lucane. Frequenta diverse scuole cattoliche a Boulder, prima di iscriversi alla University of Colorado, che però lascia nel 1929 per trasferirsi in California e concentrarsi sulla scrittura. John Fante inizia a scrivere dei luoghi e delle gente in cui si imbatte, da Wilmington a Manhattan Beach, da Long Beach al distretto Bunker Hill di Los Angeles. Così vengono pubblicate le sue prime storie, mentre sua madre e i suoi fratelli si trasferiscono vicino a lui, a Roseville.

Dopo numerosi tentativi di scarso successo di pubblicare i suoi racconti su “The American Mercury”, celebre rivista letteraria, Fante riesce a far accettare la sua storia “Altar Boy” dall’editor del magazine, H. L. Mencken, che gli invia una lettera che recita così:

La fama iniziale e la saga di Arturo Bandini

John Fante nasce l’8 aprile del 1909 a Denver, in Colorado, figlio di Nicola Fante, di origini abruzzesi, e di Mary, di origini lucane. Frequenta diverse scuole cattoliche a Boulder, prima di iscriversi alla University of Colorado, che però lascia nel 1929 per trasferirsi in California e concentrarsi sulla scrittura. John Fante inizia a scrivere dei luoghi e delle persone in cui si imbatte, da Wilmington a Manhattan Beach, da Long Beach al distretto Bunker Hill di Los Angeles. Così vengono pubblicate le sue prime storie, mentre sua madre e i suoi fratelli si trasferiscono vicino a lui, a Roseville.

Dopo numerosi tentativi di scarso successo di pubblicare i suoi racconti su “The American Mercury”, celebre rivista letteraria, Fante riesce a far accettare la sua storia “Altar Boy” dall’editor del magazine, H. L. Mencken, che gli invia una lettera che recita così:

“Caro sig. Fante, cos’ha contro lo scrivere a macchina? Se trascriverà il suo manoscritto a macchina sarò contento di acquistarlo”.

Da quel momento John Fante intraprende a tutti gli effetti la carriera di scrittore.

John Fante - disegno - Angelini S.

(John Fante in un’inedita veste illustrazione di Simone Angelini)

La fama iniziale e la saga di Arturo Bandini

Arrivando alla fama soprattutto grazie ad “Ask the Dust“, Chiedi alla polvere, romanzo semi-autobiografico che attualmente è ritenuto il terzo capitolo della cosiddetta “Saga di Arturo Bandini“, presente come alter ego dell’autore in quattro romanzi: “Wait Until Spring, Bandini” (“Aspetta primavera, Bandini”), del 1938; “The Road to Los Angeles” (in realtà scritta prima di “Wait Until Spring, Bandini”, anche se verrà pubblicato solo nel 1985, due anni dopo la morte di John Fante); il già citato “Ask the Dusk”; e infine “Dreams from Bunker Hill” (“Sogni di Bunker Hill”), che vedrà la luce negli anni Ottanta.

Durante la Seconda Guerra Mondiale

Fante usa Arturo Bandini come suo alter ego un po’ come Charles Bukowski farà con il suo personaggio Henry Chinaski, e lo stesso Bukowski sarà fortemente influenzato dall’opera di Fante. Durante la Seconda Guerra Mondiale però, John deve fare i conti con un momento di blocco creativo: un po’ perché è impegnato in qualità di collaboratore per i servizi di informazione, e un po’ perché la famiglia assorbe gran parte del suo tempo (nel 1937 sposa Joyce Smart, che gli darà ben quattro figli).

“Il narratore più maledetto d’America”

(Charles Bukowski, parlando di John Fante)

John Fante - disegno - Infidel - Sparai ai granchi tutto il pomeriggio

(sparai ai granchi tutto il pomeriggio Art by INFIDEL)

Gli anni ’50 e ’60

Negli anni Cinquanta, John Fante pubblica “Full of Life”, da cui verrà tratto un film omonimo, con protagonisti Richard Conte e Judy Holliday, che contribuisce a scrivere e che gli vale una nomination ai WGA Awards del 1957 per la categoria Best Written American Comedy (commedia americana meglio scritta).

Nel 1962, invece, partecipa alla sceneggiatura di “Walk on the Wild Side”, con Jane Fonda, film ispirato al romanzo di Nelson Algren. Nel corso della sua vita Fante lavora per il cinema diverse volte: se già nel 1935 aveva firmato il soggetto di “Dinky”, film di Howard Bretherton e D. Ross Lederman, e nel 1940 quello di “The Golden Fleecing”, per la regia di Leslie Fenton, nel 1956 era stata la volta di “Jeann Eagles” (titolo italiano, “Un solo grande amore”), di George Sidney, seguito quattro anni più tardi da “Il re di Poggioreale”, di Duilio Coletti.

Nel 1962 John Fante scrive anche la sceneggiatura di “The Reclutant Saint” (“Cronache di un convento”), dello stesso regista di “Walk on the Wild Side”; quindi, tra il 1963 e il 1964 sceneggia “My Six Lovers” (“I miei sei amori”) di Gower Champion e un episodio del telefilm “The Richard Boone Show” intitolato “Capitain Al Sanchez”.

Nella seconda metà degli anni Sessanta, inoltre, partecipa alla sceneggiatura del film di John Berry “Maya” e del film di Don Taylor “Something for a Lonely Man”.

Gli anni ’70 e ’80

Dopo essersi ammalato di diabete, nel 1977 l’autore americano pubblica un nuovo romanzo, intitolato “The Brotherhood of the Grape” (“La confraternita dell’uva“).

Un anno più tardi ha l’occasione di conoscere Charles Bukowski che dichiara di ritenerlo lo scrittore migliore che abbia mai letto, il suo dio e il narratore americano più maledetto. Lo stesso Bukowski gli domanda l’autorizzazione per scrivere una prefazione di una ristampa di “Chiedi alla polvere“, per poi minacciare la Black Sparrow Books, la casa editrice da cui le opere di Fante avrebbero dovuto essere ristampate, di non consegnare loro il suo nuovo romanzo.

Tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta, quindi, Fante assiste a una nuova pubblicazione dei suoi scritti, e ritrova una speranza che la cecità causata dal diabete gli aveva tolto.

Gli ultimi anni

In effetti, le sue condizioni di salute peggiorano sempre di più. E’ costretto a subire l’amputazione di tutte e due le gambe. Detta alla moglie “Sogni di Bunker Hill“, conclusione della saga di Arturo Bandini.

John Fante muore l’8 maggio del 1983 in un sobborgo di Los Angeles, Woodland Hills, in una stanza della clinica Motion Picture and Television Country House, lasciando un gran numero di inediti che negli anni e nei decenni successivi saranno progressivamente riscoperti.

Nel 1987 a John Fante viene assegnato un premio postumo dal PEN americano, mentre due anni più tardi è distribuito al cinema il film “Aspetta primavera, Bandini”. Del 2006 è il film “Chiedi alla polvere” (Ask the Dust), diretto da Robert Towne, con protagonisti Colin Farrel e Salma Hayek.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...